Il Verde - Palermo Facile

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Palermo

Molte aree verdi della città di Palermo sono di costruzione storica e mantengono ancora adesso la loro originale conformazione, tra i più importanti ricordiamo:


Foro Italico:  grande prato di circa 40.000 mq è posto sul mare davanti l'antica "Strada Colonna" che, costeggiando le mura cittadine, corrispondeva alla prima passeggiata a mare dei palermitani;

Giardino dei Giusti: in pieno centro storico inaugurato nel 2008 è nato per commemorare coloro che, non ebrei, hanno salvato degli ebrei negli anni dell'olocausto.

Giardino Inglese: progettato da Giovan Battista Filippo Basile nel 1851 che si ispirò agli ambienti esotici. Si rifà allo stile inglese appunto per la varietà degli ambienti presenti, come le finte rovine e le statue disseminate per il parco;

Giardino della Zisa: aperto nel 2005, ricopre 30.000 mq e si trova di fronte La Zisa in quello che era l'antico parco reale di caccia. Tutto il giardino è attraversato da un sistema di vasche d’acqua, che si sviluppa per circa 130 metri in asse col portale del palazzo.

Orto botanico: ottocentesco giardino botanico, noto per alcuni esemplari particolarmente rari. È uno degli istituti botanici più grandi d'Europa;

Parco della Favorita: costruito alla fine del settecento è il parco urbano più grande d'Italia con i suoi 4.000.000 mq. È stato riserva di caccia reale all'epoca dei Borboni;

Parco d'Orleans: creato a metà ottocento attualmente sono in corso i lavori che stanno rivoluzionando il parco aumentandone considerevolmente l'estensione (raggiungerà i 255.000 mq rendendolo il secondo parco cittadino per estensione) con l'aggiunta di un grande lago artificiale, un teatro all'aperto e un grande prato;

Villa Malfitano Whitaker: progettato da Emilio Kunzmann il giardino ospita piante rare provenienti da paesi come Tunisia, Sumatra e Australia e un vivaio con circa 150 esemplari di orchidee;

Villa Bonanno: ideato nel 1905 da Giuseppe Damiani Almeyda che progettò anche la casa del custode;

Villa Garibaldi: giardino progettato da Giovan Battista Filippo Basile nel 1861 reso famoso dalla dimensione del suo maestoso ficus secolare;

Villa Giulia: giardino costruito nel 1776 dall'originale schema geometrico. Al suo interno vi sono disposte esedre dipinte e una statua raffigurante il Genio di Palermo;

Villa Sperlinga: antica riserva di caccia oggi è una villa comunale;

Villa Trabia: al cui interno si trova la settecentesca villa che ospita una sala mostre e una biblioteca multimediale e due serre in vetro e ferro battuto;


All'interno del comune di Palermo sono presenti tre riserve naturali


Riserva naturale orientata Capo Gallo: di 5.858.300 mq;

Riserva naturale integrale Grotta Conza: 43.000 mq;

Riserva naturale orientata Monte Pellegrino: 10.500.000 mq

 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu